You are currently viewing L’amore ai tempi del coronavirus
"Bacio di Hayez" by TvBoy

L’amore ai tempi del coronavirus

Ti prego amore, nel momento del bisogno
non te ne andare solo perché te lo dice il telegiornale,
dobbiamo essere uniti e non lasciarci condizionare!
tu, che per la paura eri rimasta tutto il tempo in silenzio:
“stai calmo, resterò almeno fino al tuo funerale”.
 
Se mi fai una carezza e senti che scotto,
ti prego non chiamare il 118,
non far venire l’eliambulanza;
allora tu:”ti terrò, ma a 1 metro e 80 di distanza”.
 
Se mi stai parlando
e mi scappa un colpo di tosse
non ti preoccupare, lo sai, è che fumo sigarette,
come se un domani non ci fosse
non sono malato, non mi hanno contagiato,
volevo solo coprire il rumore,
non volevo dirtelo, ma ho appena scoreggiato!
e tu:”Tranquillo, hai sempre fatto schifo e questo è assodato”.
 
Se mi viene da starnutire,
non ti allarmare, non mi scansare,
sono solo allergico al tuo nuovo profumo in offerta speciale;
se vedi che ho gli occhi rossi e il naso mi comincia a colare,
vedrai sarà il polline di una graminacea, non è niente di fatale!
quindi tu:”Se ti continua, questa volta ci vai da solo all’ospedale”.
 
Sai, quando saremo soli nella nostra abitazione
e sarà giunta l’ora della nostra unione
staremo attenti e basterà prendere solo
qualche piccola precauzione…
E tu: “Certo… faremo all’amore con le tute anticontaminazione!”.
 
E se anche alla fine a vicenda ci contagiamo
che importa se realmente noi ci amiamo
se ci ricoverano, speriamo solo che finiamo
nella stessa stanza in rianimazione
e tu:”È ora che ti fai fare un tampone,
non voglio rimanere con te chiusa a vita
neanche in questa abitazione!”.
 
Ma pensa potremo starcene ore e ore
soli in quarantena davanti al proiettore
netflix, birra e patatine
al che tu:”Altro che virus, è quello il trio che lentamente ti uccide…”.
 
Beh mai come una stretta di mano, un abbraccio
o il bacio che per sdrammatizzare ti ho appena dato!
allora tu, nell’orecchio, dolcemente mi hai sussurrato:
“Se sopravvivo, per un anno te lo rinfaccio”.
 
Dell’alveare sei l’ape regina,
sei la candeggina più pregiata di ogni cantina,
sulla torta sei la ciliegina,
sei più preziosa del gel xgerm amuchina;
quindi tu:”Infatti ti sei scordato
anche di comprarmi la mascherina”.
 
Sei l’amore della mia vita
ti seguirei in capo al mondo,
ti seguire anche fino a Codogno,
se potessi ti offrirei il mio cuore in pegno.
Allora tu, con aria di sdegno:
“Amore peccato che siamo già in zona rossa
se davvero mi ami, prendi la pala,
è meglio che cominci a scavarci la fossa”.