You are currently viewing Si  può anche morire di stress

Si può anche morire di stress

Nella spietata 
società quotidiana,
triste realtà terrena,
è talmente tanta la fatica
che ti consumi 
uno dopo l’altro 
tutti gli anni di vita
vieni risucchiato
in una routine infinita.
 
Puoi scegliere
o morire di fame, o avere
l’immenso privilegio
di farti sfruttare
per far arricchire
il tuo titolare;
che tu ti diverta
a spezzarti la schiena
per 2 dollari al giorno
nelle profondità
di una miniera
o che tu gioisca 
nel farti barricare
in una stanza 2×2
a fissare l’orologio e
a lavorare come un automa
8,9,10…12 o più, ore filate,
per poi, alla fine delle dure giornate 
andare in una sorta di coma.
 
Ti costringono 
a turni massacranti
fatti di attimi 
asfissianti:
una moltitudine
di secondi
ineluttabili,
inesorabili,
interminabili,
insostenibili;
istanti di vita rubati,
indebitamente sottratti,
che nessuno
indietro può ridarti 
e dalla quale perdita, 
nessuna somma di denaro
può consolarti.
 
Sei lontano da
tutto ciò che ami
dalle tue aspirazioni
più appaganti,
dai tuoi desideri
più reconditi,
dagli interessi
e dalle passioni
che ami coltivare.
 
Sottrae tempo prezioso
da passare con i propri affetti
quelli che ci capiscono
e che ci compatiscono
che ci supportano
che ci sopportano 
che ci fanno stare bene
e che entrano in comunione
con le nostre pene.
 
Non gliela dare vinta,
la vita non è per finta,
non perdere la tua umanità,
quel briciolo di vitalità 
che la vita donarti saprà,
sorridi sempre sprezzante,
non perdere ogni
prezioso istante
rimuginando
ancora e ancora,
rivangando
il passato,
che vadano in malora…
 
Quando esci 
non fare come facevi prima,
stacca la spina,
disconnettiti,
riguardati,
rilassati,
coccolati,
viziati
e soprattutto
ricordati che…
 
Si può anche morire di stress