You are currently viewing Quel qualcosa di speciale

Quel qualcosa di speciale

Sembrano passati decenni
tanti da sciogliere i ghiacciai perenni
e dopo tutto questo tempo
non sono più lo stesso perditempo
sono profondamente cambiato
anche se in cuor mio
sono sempre lo stesso scapestrato.

Sono i difetti che ci rendono perfetti.

Ero ingenuo, ero stupido
ero impazzito, ero spaurito
nel mio guscio rinchiuso
rintanato nella buca che mi ero scavato
ora sono fuori per buona condotta
ho scontato ogni mio peccato
sono pronto alla strenua lotta!

Se ne valesse la gioia e non la pena
spezzerei ogni catena
che ci tiene ancora intrappolati
ancorati alla malsana routine quotidiana.

Salterei il fosso, farei lo sforzo
fin dalle fondamenta, mi sento scosso
ti correrei dietro come il cane fa con l’osso
ma senza guinzaglio, a briglia sciolta.

Non sarebbe solo “l’ennesima volta”!

Se ti trovassi, se ti cercassi
non ti lascerei più andare
di coccole ti vorrei strapazzare
vicini vicini, davanti al focolare
niente e nessuno lo potrebbe cambiare
sarebbe un sentimento immortale
saremmo un duo micidiale
spiriti liberi senza eguale
nessuno ci potrebbe separare.

Sarebbe un colpo grosso
sarebbe una grande opportunità
sarebbe una seconda possibilità:

Quel qualcosa di speciale