You are currently viewing La Religione… Che bizzarra superstizione

La Religione… Che bizzarra superstizione

Mi direte che sono dissacrante, che sono blasfemo, ma la religione per me, questa parola altisonante, ha solo un effetto placebo, per me non ha nessun significato reale, non mi importa se qualcuno o qualcosa abbia dato origine al creato, ciò che conta è lo stato in cui viene conservato!
 
Se ti frega veramente di dio perché non difendi il suo operato, perché non difendi la natura e ogni sua creatura, invece te ne sbatti e inquini a dismisura, come se non fosse una tua preoccupazione futura.
 

Il conforto dato dalla religione è una illusione e come tale significa vivere nella menzogna, è come credere in una bugia che ti rende appagato ma in realtà sei contento e coglionato.

Una sola spiegazione per ogni quesito è una scorciatoia, non è una risposta, è troppo semplicistico nonché riduttivo.

Avere bisogno di arroganti certezze a cui aggrapparsi disperatamente è deprimente.

“Taci Miscredente!” direbbe il bigotto, io prendo la mia razionalità e faccio fagotto.

La religione è indottrinamento sistematico, sudditanza mentale, è solo una dipendenza da esorcizzare.

Il vero mistero della fede, è chi ancora ci crede dopo tutto questo tempo: potevo capire all’epoca feudale, quando non si conosceva nulla della realtà, si viveva nell’ignoranza più abissale, ma oggi giorno ognuno dovrebbe aver sviluppato una propria morale e non sto parlando di quella preconfezionata e surrogata della società del capitale.

Come si fa a credere in un libro fantasy scritto 2000 anni fa da un essere umano non da un essere divino, e mica è piovuto dall’aldilà?!

Quando non esisteva la scienza, c’era solo la penitenza.

La religione è subdola perché fa leva sulla pietà, sulla misericordia e sul senso di colpa della gente che vuole espiare i suoi presunti peccati, senza dimenticare della paura, il ricatto psicologico del “se non ti comporti bene finisci all’inferno”, è spregevole.

Anzi ti incoraggia a peccare, tanto poi basta un assoluzione per espiare, non è una soluzione, è prostituzione intellettuale.

Nessuno può sapere se esiste per davvero, perché mai allora dovrei sprecare un cero.

Con questo non voglio dire ché non esista un dio, un entità superiore, un flusso energetico che avvolge il creato, che sia tutto collegato ma forse non come lo intendono loro, non in senso antropomorfizzato.

Ha più bisogno lui di te che tu di lui e sopratutto ne hanno bisogno chi in sua vece si arricchisce alle nostre spalle millantando una futura ricompensa ultraterrena… esiste?

Chi lo può sapere? Voi sarete ricompensati nella aldilà ma nel aldiquà siamo noi i padroni. Si strafogano con i loro milioni!

L’unico vero sovrano a questo mondo è il dio denaro!

Predicano la povertà quando sono una società multimilionaria, dicono di fare la carità quando basterebbe che rinunciassero a tutti i loro averi perché nel mondo no ci siano più poveri, sono dei fotutti ipocriti, degli avidi accumulatori.

L’attico e le escort, la coca e il macchinone, eccolo il prototipo del cardinale pappone!

Sanno solo condannare chi è diverso, chi non si omologa al loro pensiero perverso, chi non sta col capo chino, chi non si prostra al loro divino.

Se usi il preservativo ti fanno la morale e poi si sa che per i bambini hanno più di una attenzione speciale…

Si inchiappettassero solo a vicenda, sarebbe una altra faccenda ma sono dei pederasti, e si approfittano di anime innocenti: sono degli subdoli approfittatori, dei viscidi stupratori.

In duemila anni hanno commesso ogni genere di atrocità in nome del loro signore e della sua autorità:

Guerre sante, conquistadores, santa inquisizione.

“Dio lo vuole” è sinonimo di persecuzione!

Genocidi, torture, conversioni forzate, indottrinamenti di massa, flagellamenti.

E’ da dire che loro ti davano una scelta, promettendoti la loro ultra terrena ricompensa: o ti convertivi o venivi spellato, impalato e arso vivo!

La verità è che la religione è una malattia mentale, creata ad hoc per schiavizzare le masse, soggiogarle, tenerle a bada e non farle ribellare: credere in un essere superiore con cui parlare telepaticamente, che ti spia sempre, a cui preghi per avverare i tuoi desideri è pazzesco, ma chi ti credi essere?

Se anche esistesse di tutto il creato tra miliardi di pianeti e di stelle perché si dovrebbe preoccupare proprio di te, sei presuntuoso, sei egocentrico, sei malato!

Lui ti spia e ti giudica ma ti ama e ti vuole salvare però solo se sarai fedele altrimenti all’inferno dovrai bruciare: è un ricatto bello e buono, io me ne sbatto del tuo perdono!

Le chiese sono nate per incutere timore e estorcere il rispetto nell’adepto, così che a nessuno venga in mente di potersi ribellare:Gesù non aveva mai parlato di un luogo dove pregare, sono nate per farti pregare? o fregare?

L’acqua è solo acqua, al massimo stagnante, non ti accorgi che la benedizione è solo l’ennesima finzione.

Altro che ecclesiastici, sono riti scaramantici.

Col sangue di cristo cercano di farti ubriacare così da farti imparare la lezione, o metterti in posizione per la penetrazione.

Seduti, in piedi, seduti, in piedi, e alla fine l’ostia o il croccantino? non sono mica un cane da addestrare, mio caro divino?!

Ti inculcano a forza le loro cantilene, ti entrano in testa manco fossero dei jingle pubblicitari, degli antifurti, delle sirene!

Sono dicerie, sono fantasiose invenzioni, sono assurde finzioni, sono maledizioni altro che benedizioni!

Altro che apparizioni sono collettive allucinazioni…

La religione non è il passaporto per la beatificazione bensì per l’autodistruzione!

La Religione… Che bizzarra superstizione