You are currently viewing L’Angelo del focolare

L’Angelo del focolare

Piacere, mi presento:
mi chiamo Fido e sono peloso,
a volte anche un po bavoso
ma sempre e comunque un alleato prezioso.

Ho quattro zampe e sono scattante,
se mi chiami, sarò da te in un istante.
Ho due occhi dolci e un tartufo pregiato;
sono costantemente affamato.

In me avrai sempre un amico
e un compagno fidato!

Da quando vengo al mondo,
dovunque andrai, tu mi avrai sempre intorno.

Al mio sguardo sdolcinato
vedrai non potrai più resistere.
Se senti il mio pianto disperato,
non vorrei insistere…
Ma per favore portami a spasso,
significa che me la sto facendo addosso!

Il mio amore per te è incondizionato,
la mia fedeltà è proverbiale,
la mia specialità è scodinzolare!

Se mi comporto male, non mi sgridare,
non vale la pena di litigare,
con una bella leccata tutto si può sistemare.
A una catena ti prego non mi legare,
io voglio solo giocare libero
e al tuo fianco scorrazzare.

Ma ricordati bene,
io non sono un giocattolo,
ne un soprammobile,
se ti stanchi di me non mi puoi buttare
come faresti con un vecchio giornale;
ricordati che darei la mia vita
per poterti salvare.

Non ti preoccupare se ti senti depresso,
io mi avvicino con lo sguardo perplesso.
So sempre come prenderti,
sarei sempre pronto a difenderti.

Basterà la mia compagnia
a ridarti il buon umore,
avrai sempre un posto speciale
in fondo al mio cuore.

Tu non sei il mio padrone,
io non posso essere posseduto:
non sono un oggetto,
ne tanto meno un passatempo,
vorrei solo essere un membro
della tua famiglia, se mi accetti,
ti guarderò ogni giorno con meraviglia.

Non posso firmare nessun contratto
ma facciamo un solenne patto:
io ti offro tutto me stesso
e in cambio chiedo solo del cibo,
un tetto sopra la testa e un po’ d’affetto.

Non ho le ali, non posso volare,
non ho l’aureola ma ho il collare,
non posso parlare ma sono bravo ad ascoltare.

Nulla mai ci potrà separare,
te lo prometto, io sarò…

L’Angelo del focolare